In base alla normativa in materia di privacy applicabile, la CISL SCUOLA COSENZA titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa che tale sito non utilizza cookie di profilazione

La prosecuzione della navigazione equivale a consenso. Per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l'informativa cookies completa Per saperne di piu'

Approvo
  • head vale
  • bannerorari
  • orari 3
  • orari2 head

Compilazione assegni familiari Docenti ed Ata
Domande di ricostruzione di carriera

Dichiarazione dei servizi

Giovanni Tangaro e Antonio Aloe
(Previo appuntamento)

 

Consulenza Giuridica, Amministrativa e Contabile
per D.S. e D.S.G.A. ed Ass. Amministrativi

con esperti del settore previo appuntamento
giovedi pomeriggio

 

Sportello privacy e sicurezza del lavoro

con esperto del settore. Martedì dalle 16.00 alle 17.00 previo appuntamento.

 

Sportello Progetti PON

venerdì dalle 17. 00 alle 18.00 con Luca Pascali previo appuntamento. 

Servizio di consulenza legale

Giovedi pomeriggio dalle 16.30 alle 17.30 Sede Centrale
PREVIO APPUNTAMENTO Avv. Marco Mari
Consulenza presso le sedi territoriali (Rossano Corigliano Trebisacce Cassano)
Avv. Ombretta Propato previo appuntamento tel. 328-5555037 - 0981-76209

Sportello Consulenza Fondo Espero
Giovedi pomeriggio dalle 16.30 alle 17.30 con esperto del settore. 

Sportello Area Sostegno

Martedi dalle 16 alle 18 con esperto del settore(Previo Appuntamento)

Sportello Strumento Musicale

Martedi pomeriggio dalle ore 16.00 alle ore 17.00 con Igino Vigna

Lavoro, Ambiente, Clima: tre grandi temi per la scuola

L’Assemblea nazionale della CISL Scuola (7-9 ottobre 2019)

Anche la Segreteria provinciale di Cosenza ha partecipato all’Assemblea nazionale della CISL Scuola (Milano, 7-9 ottobre), convocata all’insegna dello slogan SCUOLA. FUTUROPRESENTE. I lavori – insieme ai temi più strettamente “sindacali” di cui si parla nel documento finale scaricabile dal link http://www.cislscuola.it/index.php?id=2872&tx_ttnews%5Btt_news%5D=31006&cHash=7ca4f623a6a211c723d4d60a76d1e2cd – hanno toccato anche la questione dello sviluppo sostenibile della “nostra madre terra”, com’è chiamata da San Francesco d’Assisi nel Cantico delle creature. Una questione di grande attualità sia sul piano delle scelte politiche globali, nazionali e locali, sia sul piano educativo, come dimostra anche il movimento giovanile sviluppatosi in seguito alle iniziative della studentessa svedese Greta Thunberg.

Il tema non è nuovo e la comunità scientifica sottolinea ormai da decenni la drammaticità e l’urgenza di scelte non più rinviabili; tuttavia, sta emergendo una consapevolezza maggiormente diffusa, almeno sul piano di una vasta sensibilizzazione, della responsabilità che le generazioni attuali hanno verso quelle future nel conservare un ambiente a misura d’uomo: è una presa di coscienza in cui hanno sicuramente un ruolo fondamentale le tante attività che nelle scuole italiane ed europee – a volte in modo approssimativo, ma spesso con serietà e partecipazione da parte degli alunni accompagnati da docenti motivati – stanno producendo ricerche e dando vita a progetti di mobilità internazionale che coinvolgono tante persone.

La scelta della CISL Scuola di dedicare il focus di approfondimento della propria Assemblea nazionale a una discussione su “Lavoro, Ambiente, Clima: tre grandi temi per la scuola” (temi strettamente connessi) costituisce, dunque, uno stimolo significativo perché all’argomento si dia lo spazio che esso merita nell’attività scolastica, secondo modalità che coinvolgono sia le singole discipline, sia gli aspetti interdisciplinari e multidisciplinari, sia una progettualità di più ampio orizzonte.

Vale la pena di ricordare che sulla questione una traccia di riflessione importante e particolarmente utile – per l’autorevolezza della fonte, per la peculiarità dell’approccio multidisciplinare (spirituale, scientifico, politico, operativo), per le implicazioni etiche e per gli spunti di riflessione che se ne posso trarre, per la sintesi che offre, per la chiarezza del linguaggio, semplice, ma non superficiale – è data dall’enciclica Laudato si’ (il titolo è evidentemente tratto dal Cantico delle creature) che Papa Francesco ha dedicato alla cura della casa comune delle donne e degli uomini, che è appunto l’ambiente in cui essi vivono, la “madre terra”. Tra l’altro, nel testo del Papa – più volte citato durante la discussione – emerge anche lo stretto legame esistente tra la questione del lavoro e i temi ambientali.

Per un’introduzione all’enciclica Laudato si’ può essere utile, anche a scopo didattico, la breve e chiara “guida alla lettura” pubblicata il 18 giugno 2015, in coincidenza con l’uscita del testo papale, sul sito di Aggiornamenti sociali (rivista dei Gesuiti del Centro San Fedele di Milano), a cura della redazione: https://www.aggiornamentisociali.it/articoli/i-laudato-si-i-una-guida-alla-lettura/.

Com’è noto, un’enciclica è una lettera pastorale del papa su argomenti di dottrina cattolica o temi morali e sociali; la denominazione del documento viene dal latino epistula enciclica, cioè “lettera circolare” (dal greco enkùklios). Al testo della Laudato si’ completo di note si può essere facilmente accedere cliccando su http://w2.vatican.va/content/francesco/it/encyclicals/documents/papa-francesco_20150524_enciclica-laudato-si.html.

Per praticità, può essere utile avere a portata di mouse anche il link del Cantico delle creature:

http://www.sanfrancescopatronoditalia.it/notizie/cultura/cantico-delle-creature-31157#.WjZFOt_iZPY.

Questa Giornata commemora la sottoscrizione delle Raccomandazioni dell'UNESCO sullo status di insegnante, la principale  struttura di riferimento per i diritti e le responsabilità dei docenti su scala mondiale, ed ha come obiettivo fondamentale quello di suscitare riflessioni sul ruolo dei professionisti della formazione, sulle sfide che affrontano quotidianamente, sulle difficili condizioni di lavoro a cui sono spesso sottoposti.

Con l'adozione dell'Obiettivo 4 di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, "Istruzione di qualità", gli insegnanti vengono riconosciuti come soggetti chiave per l'attuazione dell'Agenda 2030 sull'educazione. Il loro impegno infatti è fondamentale per fornire  un'educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti, con l'obiettivo di incrementare il livello di alfabetizzazione globale e ridurre l'abbandono scolastico precoce,  contribuendo a migliorare la vita delle persone e a raggiungere lo sviluppo sostenibile.

In occasione di questa Giornata, domani 5 ottobre l'Associazione Culturale "Network Arene di Roma" organizzerà alcuni eventi nell'ambito del "Roma Intercultural Festival", nei quali verranno coinvolti docenti, scuole, rappresentanti della comunità, istituzioni e associazioni del territorio.

Qui potete leggere il messaggio del Direttore Generale dell'UNESCO Irina Bokova in occasione della Giornata degli insegnanti

 

FONTE SITO WEB UNESCO

Mercoledi 18 settembreè stata sottoscritta  la Contrattazione Integrativa Nazionale - ai sensi dell'art. 40, comma 4, lett. a) del CCNL 19.4.2018 - sui "criteri di ripartizione delle risorse del fondo MOF per l'a.s. 2019/20". La procedura di sottoscrizione del CCNI è stata chiusa formalmente nella giornata odierna, 27 settembre.

Le risorse a disposizione ammontano ad € 800.860.000,00, di cui 142.800.000,00 destinate al "bonus docenti" introdotto dalla legge 107/2015. Come previsto, le risorse sono complessivamente inferiori a quelle dello scorso anno (quando in totale erano pari ad € 818.730.000,00) in applicazione di quanto prevede il comma 3 del citato art. 40 sulle modalità con cui finanziare, nel corso degli anni, l'aumento della Retribuzione Professionale Docenti.

Allegati:
Scarica questo file (MOF_1920_IpotCCNI_18set_19.pdf)MOF_1920_IpotCCNI_18set_19.pdf[ ]3676 kB

dsga0Venerdi 27 settembre dalle ore 16.30 alle ore 18.30 

si svolgerà il corso di preparazione alle prove scritte del concorso DSGA presso la sede CISL Scuola Cosenza di via Caloprese.

Il corso è gratuito per gli iscritti

 

INSERITO IN RICORSI

Con una recentissima Ordinanza la Suprema Corte di Cassazione ha riconosciuto anche ai docenti supplenti brevi e saltuari il diritto a percepire la “Retribuzione Professionale Docenti”, la cui corresponsione ad oggi viene riservata invece ai soli titolari di contratto a tempo indeterminato e determinato di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche, con esclusione, quindi, dei supplenti brevi e saltuari. La Suprema Corte di Cassazione ha di fatto confermato il principio della piena equiparazione tra lavoratori tempo determinato e indeterminato ai fini del diritto all’intero assegno tabellare, compresi quindi laRetribuzione Professionale Docenti per il personale docente e il Compenso Individuale Accessorio per il personale ATA. 

La pronuncia della Corte di Cassazione non estende però in automatico i propri effetti “erga omnes”, ma vale solo per il caso giudicato. 

I SUPPLENTI BREVI E SALTUARI
 per vedersi riconosciuto il diritto alla RPD e al CIA devono pertanto attivare specifico ricorso individuale innanzi il Giudice del Lavoro. 

La CISL Scuola di COSENZA dà avvio, per i propri iscritti o per chi si iscrive, all’azione legale per il recupero delle somme dovute relative alla RPD e al CIA. 

COSTI DI ADESIONE AL RICORSO 

Si prevede un contributo spese per gli iscritti CISL pari ad € 50,00 ATTENZIONE! condizione necessaria per poter aderire al ricorso è quella di essere regolarmente iscritti alla CISL Scuola di Cosenza  e conservare iscrizione per tutta la durata della causa. 

SCADENZA ADESIONE RICORSO 

Si fa presente che il riconoscimento economico della Retribuzione Professionale Docenti e del Compenso Individuale Accessorio è soggetto a prescrizione quinquennale, per cui gli emolumenti accessori vengono erogati fino ai cinque anni antecedenti l’avvio del ricorso da parte degli interessati 

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER ADERIRE AL RICORSO 

1) copia di tutti i contratti di supplenza breve e saltuaria sottoscritti negli ultimi 5 anni 

2) copia del documento di identità 

3) scheda dichiarativa dei contratti sottoscritti 

4) scheda dati anagrafici